Macco di fave e baccalà in olio cottura 2
 
  Oggi,ho voluto rifare il macco con le fave con baccalà in olio cottura, una ricetta scoperta durante il    mio viaggio a Pachino, lo scorso dicembre.
Infatti un giorno, ho pranzato in un ristorante molto particolare ad Ispica (Ragusa) "Il Mercato", realizzato appunto nell'ex mercato della città costruito negli anni '30. E' un luogo che racchiude, ristorante, bar, pizzeria, ma anche uno spazio dove si possono comprare prodotti delle eccellenze territoriali. Il locale è già una particolarità, lo chef e ristoratore, Salvo Latino, lo è ancora di più. Viene da una carriera accademica di tutto rispetto, con laurea in agraria, dottorato in economia agroalimentare, master, pubblicazioni. Approda ad "Il Mercato", facendone uno spazio destinato destinato alla cultura del cibo, alle eccellenze del territorio, ma anche mostre d'arte, concerti, eventi. Ed arriva un giorno, in cucina per sostituire il proprio chef, in un momento di necessità. Qui si innamora dell'arte culinaria, tanto da decidere un cambio di rotta nella sua esistenza, e vi riversa la sua  passione per le materie prime ed il territori che si avverte nei piatti che vengono serviti. Ho mangiato questo piatto ad "Il Mercato" e con l'aiuto dello chef Salvo Latino, oggi l'ho replicato. Ve lo consiglio perché è una delizia assoluta.
Leggi du più

SicilianTasty, nuovo progetto dello chef Salvo Latino In evidenza

www.siciliantasty.com

Selezioniamo e proponiamo, in italia e in Europa, le eccellenze enogastronomiche di tutta la Sicilia.

La buona alimentazione parte dalla scelta degli alimenti, essere curiosi e attenti, imparare a leggere le etichette è fondamentale per diventare consumatori più consapevoli e responsabili. La qualità dei cibi acquistati determina la bontà delle preparazioni ma anche le conseguenze sulla nostra salute e sull’ambiente, per questo è importante adottarepiccoli accorgimenti anche nel fare la spesa di tutti i giorni

Il primo passo è la programmazione degli acquisti, ovvero fare piccoli acquisti più volte la settimana, magari nelle quantità giornaliere necessarie, scegliendo i cibi freschi e di stagione, di qualità certificato quali biologici, DOP, IGP o riconosciuti presidi Slowfood a tutela della biodiversità e a garanzia che conservano tutte le proprietà nutrizionali e sensoriali. Per una maggiore sicurezza alimentare a garanzia della tracciabilità e rintracciabilità consiglio di comprare direttamente dai produttori in azienda o presso i mercati dei contadini spesso organizzati nei centri storici delle città dalla COLDIRETTI grazie al progetto Campagna Amica. Modello economico che da sostegno a reddito dei produttori e maggior potere contrattuale ai consumatori. Scegliendo i prodotti sfusi o con confezioni biodegradabili si può ridurre l’impatto del packaging nello smaltimento. Avendo la possibilità di fare acquisti programmati si eviteranno  anche gli sprechi.

leggere di piu su:

http://www.siciliantasty.com/it/content/16-come-scegliere-gli-alimenti